Striscioni su Manpower contro Expo e contestazione ai negozi aperti: il primo maggio visto dal 'controcorteo'

Il corteo di Prc. PcdI, Iskra e Csa Intifada a Empoli (foto gonews.it)
Il corteo di Prc. PcdI, Iskra e Csa Intifada a Empoli (foto gonews.it)

Non solo il corteo 'ufficiale' per il primo maggio. Nello stesso momento, e con un percorso simile, hanno sfilato anche Iskra, Csa Intifada, Cobas, Rifondazione e PcdI con la loro contromanifestazione per dire no a Expo 2015, inaugurato oggi a Milano, e al Jobs Act.

Il corteo è partito in scia all'altro e ha fatto tappa di fronte alla sede locale dell'agenzia per il lavoro Manpower, in cui è stato affisso lo striscione 'Io non lavoro gratis'. Il corteo non si è fermato in piazza della Vittoria ma ha proseguito per le vie del centro storico. Momenti di contestazione ci sono stati di fronte ai negozi che erano rimasti aperti per la Festa dei Lavoratori. Nella conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa gli organizzatori avevano invitato la Cgil a isolare il Pd dal corteo.

Tutte le notizie di Empoli

<< Indietro
torna a inizio pagina