Fulmine si abbatte sul centro per l'autismo 'Casa di Ventignano'. Ci sono tre feriti, in 11 al pronto soccorso per precauzione

L'intervento alla Casa di Ventignano (foto gonews.it)


A Fucecchio un fulmine si è abbattuto questa mattina, lunedì 10 novembre, intorno alle 9.10, sul centro diurno per ragazzi autistici della Casa di Ventignano, in zona San Pierino, in via Cavasonno. Colpito il comignolo sopra la sala riunioni. Feriti tre operatori del centro con intossicazioni e qualche ustione, non in modo grave. Sul posto il 118 e i vigili del fuoco, illesi i ragazzi della struttura.

Inviate sul posto tre automediche e quattro ambulanze di primo soccorso della Misericordie di San Miniato, Castelfranco e San Miniato Basso oltre alla Pubblica Assistenza di Fucecchio. A scopo precauzionale c'era anche la logistica del Punto Medico Avanzato della Misericordia di Empoli.

Ci sono undici persone portate in pronto soccorso a Empoli in codice verde per accertamenti, tre in codice giallo. Le lesioni principali riportate dai feriti sono ustioni 1° e 2° grado, prevalentemente alle mani e alla testa, traumi dovuti allo scoppio e alla caduta di calcinacci, e intossicazione da fumo. La maxiemergenza è stata 'chiusa' alle 11.05.

Secondo alcune testimonianze sarebbe scoppiata la forassite di alcuni cavi elettrici. Dalla struttura spiegano che l'impianto era a norma e regolarmente accreditato nel 2011. La stanza, conferma il direttore della rete territoriale dell'Asl 11, Nedo Mennuti, era occupata da operatori che ogni lunedì mattina si ritrovano per la riunione operativa. Negli altri giorni nella stanza ci sono invece i ragazzi.

Sul posto anche la polizia municipale, i carabinieri e i tecnici dell'Enel. Sono stati interrotti i flussi di gas ed energia elettrica. Al momento il soffitto è letteralmente 'bucato' con i vigili del fuoco intenti a metterlo in sicurezza.Via Cavasonno è stata chiusa al traffico.

Tra le persone al pronto soccorso pare ci siano anche due medici dell'Asl 11, tra cui la responsabile della struttura Cinzia Pieraccini.

Mennuti ha dichiarato che "forse per almeno un mese non sarà possibile garantire l'attività del centro. Probabilmente potrebbe essere necessario reperire un'altra struttura".

MARINO LUPI: "UNA CATASTROFE, SONO SCONVOLTO"

"È una catastriofe, sono sconvolto, provo un dolore di proporzioni inaudite". Così il presidente di Autismo Toscana, Marino Lupi, padre di uno dei ragazzi che frequentano la Casa di Ventignano, tra l'altro tra i presenti nella struttura stamani oltre agli operatori.

"La casa è stata presa in pieno, - racconta Lupi, che non era sul posto al momento del fatto ma è giunto un quarto d'ora dopo - il soffitto è stato letteralmente aperto, il fulmine ha attraversato la struttura, persino il cemento armato. Sono stati fermati due principi di incendi, provocati dell'esplosione della centralina elettrica. Addirittura - spiega il presidente di Autismo Toscana - la centralina dell'allarme è schizzata a 20 metri di distanza dalla casa. Distrutta anche la cabina elettrica della serra: era come se fosse stata presa a martellate".

"Riaprire dopo un mese? Forse ci vorrà il triplo del tempo per far tornare dentro i ragazzi - conclude Lupi - dovremo fare tutti la nostra parte per far ripartire il centro, noi come anche la cittadinanza che ci vorrà sostenere".

LA NOTA DEL COMUNE DI FUCECCHIO

Un fulmine di rara intensità è caduto questa mattina alle ore 9,10 sulla Casa di Ventignano, il centro per ragazzi autistici dell’Asl 11 che si trova sul territorio comunale di Fucecchio.

La potenza della scarica elettrica è stata devastante tanto da forare letteralemte il solaio del tetto, far esplodere l’impianto elettrico e innescare un principio d’incendio all’interno della struttura. Il terribile scoppio ha causato una leggera ustione a tre dei dieci operatori dell’Asl 11 presenti in quel momento all’interno del centro. Tutti comunque sono stati condotti all’ospedale San Giuseppe di Empoli per accertamenti.

Al momento dello scoppio un solo ospite del centro (che apre le porte intorno alle 9,30) era presente all’interno; questo ha evitato conseguenze ancor più gravi.

Il danno alla struttura è comunque ingente. Sul posto insieme ai vigili del fuoco si è precipitato anche il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli.

“Un danno di queste dimensioni causato da un fulmine – ha commentato – sul nostro territorio non si era mai verificato. Anche i vigili del fuoco me lo hanno confermato. Purtroppo la struttura è stata danneggiata in maniera significativa e da oggi il centro dovrà chiudere per essere riparato. Spero che l’Asl 11 riesca ad individuare immediatamente una nuova collocazione dove, in attesa delle riparazioni, il centro possa continuare a svolgere la propria fondamentale opera per il sostegno ai ragazzi autistici e alle loro famiglie. Come ho ricordato anche recentemente la Casa di Ventignano è eccellenza della sanità della nostra zona e della Regione Toscana tanto da essere divenuto anche un  punto di riferimento a livello nazionale. Occorre ripartire immediatamente per non creare disagi alle famiglie e per non interrompere i progetti dei quali erano protagonisti gli ospiti del centro”.

LA NOTA DI AUTISMO TOSCANA

"Questa mattina intorno alle 9 un violento fulmine ha colpito la Casa dei nostri ragazzi. Gli operatori che si trovavano dentro, in una riunione, sono stati investiti dalla violenza dell'evento e hanno riportato ustioni per fortuna non gravi e lesioni contusive, colpiti da frammenti di parete della stanza dove si trovavano. Quando è accaduto il fatto pochi erano i ragazzi presenti e questi non hanno riportato danni. Arrivare sul posto e vedere tutti i nostri amici operatori feriti, e sotto shock è stato terribile. Siamo tutti vicini ai nostri amici operatori che hanno subito ferite e alle loro famiglie.

La casa dei nostri ragazzi, la casa dove andavano ad imparare a diventare grandi è invece ferita gravemente. Un grande dolore ha assalito tutti noi nel vedere la Casa nella quale riponiamo tanta speranza così danneggiata. Noi non siamo tecnici ma forse non è necessario esserlo per capire che ha subito ferite gravi. Stateci vicino, avremo bisogno di tutti. Nella foto abbiamo voluto mettere una foto dell'inaugurazione perchè tutti noi la vogliamo rivedere così. Al più presto.Ora è chiusa in attesa di essere rimessa a posto. Diamo tutti un piccolo contributo per raprirla al più presto".

LA VICINANZA DEI SINDACI DELL'EMPOLESE VALDELSA

La Giunta dell’Unione dei Comuni, appresa la notizia di stamani riguardo la paurosa caduta del fulmine sulla casa di Ventignano, esprime piena vicinanza a tutti coloro rimasti coinvolti in questo terribile incidente, dagli operatori del Centro,  rimasti feriti anche se per fortuna non gravemente, ai ragazzi che frequentano la struttura ,alle loro famiglie, allo staff operativo.

Il Sindaco Spinelli è corso immediatamente sul posto, seguendo le prime operazioni di soccorso insieme ai vigIli del fuoco e ai medici della Asl. Vista la consistenza del danno provocato dal fulmine sull’edificio,  gli operatori della Asl hanno già individuato i locali idonei per trasferire provvisoriamente la struttura di Ventignano, nell’interesse dei ragazzi che frequentano abitualmente la Casa, per garantire loro continuità del servizio e superare quanto prima lo shock di questo terribile imprevisto. 

LA VICINANZA DELLA REGIONE CON STEFANIA SACCARDI

Dopo la caduta di un fulmine che ha reso inagibile la Casa di Ventignano, centro diurno per ragazzi autistici di Fucecchio della Asl 11, ferendo e ustionando gran parte dei 18 operatori presenti nella struttura stamani alle 9, e impegnati in una riunione, sono subito scattati da un lato il soccorso ai feriti e intossicati, e dall'altro la ricerca di una sede alternativa per gli ospiti del centro, che viene gestito in collaborazione da due cooperative, Colori e Agape.

Da parte della vicepresidente della Regione Toscana, Stefania Saccardi, con delega al sociale è stata subito espressa la vicinanza agli operatori e alle famiglie dei ragazzi, una trentina, che frequentano il centro, annunciando anche il tempestivo intervento regionale. "I casi più complessi saranno subito presi in carico - afferma Saccardi – Per gli altri ragazzi la direzione della Asl 11 si è impegnata in queste ore nel sopralluogo a diverse strutture locali disponibili, e sta per incontrare - alle 18 - famiglie e associazioni per presentare e verificare le possibili soluzioni. Ci stiamo organizzando – aggiunge Saccardi - per tornare quanto prima a regime, se pure temporaneamente in altra sede, per non lasciare sole le famiglie".

LA NOTA DELL'ASL 11

Un fulmine ha colpito questa mattina, lunedì 10 novembre, intorno alle ore 9.15, la Casa di Ventignano, il centro diurno per ragazzi autistici dell’Asl 11 che si trova nella frazione di San Pierino, nel comune di Fucecchio, vicino allo svincolo di San Miniato della Firenze-Pisa-Livorno.

La potenza della scarica elettrica è stata devastante tanto da sfondare il solaio del tetto, far esplodere l’impianto elettrico e innescare un principio d’incendio all’interno della struttura. Lo scoppio ha ferito i 14 operatori dell’Asl 11 , che in quel momento si trovavano in riunione nel locale colpito dal fulmine. Tre di loro hanno riportato ustioni di primo e secondo grado (alle mani e alla testa) e traumi dovuti allo scoppio e alla caduta di calcinacci, mentre i rimanenti undici hanno riportato intossicazioni da fumo. Tutti sono stati condotti al pronto soccorso dell’ospedale “San Giuseppe” di Empoli per accertamenti e le cure necessarie. Di loro 11 sono stati dimessi in giornata.

Al momento dell’incidente un solo ospite del Centro era presente all’interno; ciò ha evitato conseguenze ancora più gravi.

A causa dell’eccezionalità dell’evento l’Asl 11 ha attivato il piano per le maxiemergenze. Sul posto sono state inviate 3 automediche e 4 ambulanze di primo soccorso di varie associazioni di volontariato (Misericordia di San Miniato, di Castelfranco e di San Miniato Basso e Pubblica Assistenza di Fucecchio)  e, a scopo precauzionale, la logistica del Punto Medico Avanzato della Misericordia di Empoli. Sono intervenuti anche vigili del fuoco, polizia municipale e carabinieri. Nella zona si è interrotta l'erogazione di energia elettrica. Il dispositivo della maxiemergenza è stato concluso poco dopo le ore 11.

“Di fronte a questa situazione di emergenza – ha commentato il direttore sanitario dell’Asl 11 Renato Colombai – abbiamo ritenuto di incontrare nel tardo pomeriggio di oggi i genitori dei giovani ospiti della struttura per presentare loro il nostro piano, al fine di dare continuità alle attività del Centro. Un elemento vincolante è la momentanea indisponibilità degli operatori rimasti feriti, che va contemperato con la presa in carico dei ragazzi e la disponibilità dei loro familiari. Lo stesso piano prevede risposte immediate per i casi più impegnativi e complessi, e nell’arco di un alcuni giorni la disponibilità di una sede alternativa che consenta il proseguimento dell’attività in attesa del ripristino delle condizioni ottimali della struttura di Ventignano.

L’impegno dell’Asl 11 – ha aggiunto Colombai – è di comprimere il più possibile i tempi, consapevoli del disagio che stanno vivendo i ragazzi e i loro familiari e anche gli operatori. A nome dell’azienda colgo l’occasione per augurare la pronta guarigione ai feriti e ringraziare tutti gli operatori intervenuti, da quelli del 118 a quelli della struttura ospedaliera di via Boccaccio e a quanti altri hanno efficacemente operato in circostanze eccezionali come i vigili del fuoco, le forze dell’ordine, il comune di Fucecchio e le associazioni di volontariato”.

Scheda tecnica

La Casa di Ventignano è un centro diurno che fa capo al dipartimento della salute mentale dell’Asl 11. E’ frutto di un progetto elaborato dall’Asl 11 in collaborazione con l’associazione delle famiglie e il comune di Fucecchio per realizzare un centro diurno rivolto a bambini, adolescenti e giovani adulti, nell’ottica di offrire una presa in carico globale, tenendo conto delle concrete necessità dei soggetti con questo tipo di disabilità. La struttura è ubicata in un contesto rurale ed è inserita all’interno della rete dei servizi per l’autismo (tra cui quello della neuropsichiatria infantile dell’Asl 11) e opera in stretta integrazione con il gruppo multidisciplinare infanzia/adolescenza/adulti, la pediatria di base e ospedaliera, con i medici di famiglia e il dipartimento ospedaliero. La struttura è una casa di 430 metri quadri sviluppata su due piani, dotata di laboratori, una grande cucina e una palestra. E’ circondata da tre ettari di terreno, ed è stata studiata per essere il luogo ideale per ospitare soggetti svantaggiati tra gli 8 ei 25 anni (in possesso dell’accertamento dell’handicap e con diagnosi di autismo). Attualmente gli ospiti sono in tutto 32, di cui soltanto 23 giornalmente presenti nel Centro.

La presa in carico è diversificata a seconda dell’età dei soggetti. Sono previste due fasce età (8-16, e oltre i 16 anni).

Il Centro, gestito dall’Asl 11, è aperto dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 18, durante le quali sono garantiti percorsi terapeutici e socio-riabilitativi nella fase di lunga assistenza. Gli interventi sono finalizzati all’acquisizione di competenze per il raggiungimento dei migliori livelli possibili di autonomia personale, di interazione sociale e di inserimento nel mondo del lavoro. Gli ospiti possono fare attività di recupero, di gioco e soprattutto possono confrontarsi con gli altri.

Tutte le notizie di Fucecchio

<< Indietro
torna a inizio pagina